Il canyon del Colca! 1200 mentri di profondità

Il Canyon del Colca! 1200 metri di profondità.
06 Maggio 2017- 8 Maggio 2017
Da Arequipa, prendendo un bus locale notturno, arriviamo a Cabanaconde quando ancora albeggia.
In questo piccolo paese sul canyon il freddo è micidiale e, dopo aver preso un caffè caldo, si può iniziare il trekking che porta all’interno del Canyon.

imageimageimageimage
Arrivare la mattina molto presto, permette di iniziare immediatamente il cammino, evitando controlli e il sole alto (Cabanaconde non presenta nulla di particolarmente attrattivo).
In teoria per accedere al sito del canyon bisognerebbe pagare 70 soles a persona (20 euro), ma il consiglio che possiamo dare è di eludere i controlli partendo di notte con un mezzo pubblico (viaggio Arequipa/Cabanaconde), e, una volta entrati nel paese, iniziare il trekking senza fermarsi alla famosa cruz del condor. Apro una considerazione in merito: sicuramente vedere i condor partire di mattina per la caccia è una esperienza particolare, ma in molti posti in sud America al tramonto o all’alba potrete ammirarli. Banos in Ecuador ne è un esempio e nello stesso canyon ci sono molti punti di osservazione dai quali puoi vederli. Inoltre il prezzo, secondo il nostro modesto parere, è troppo alto per il servizio offerto: non aspettatevi trekking e sentieri ben segnalati, la mancanza di adeguate indicazioni a volte è disarmante e ti fa perdere tempo ed orientamento (rimangono poi stupiti e delusi quando qualche turista si perde e ci lascia le penne). Scordatevi la presenza di cestini per i rifiuti, bagni ed ogni altro servizio utile come mappe e cartine. Motivo per cui abbiamo deciso di privarci del famoso punto di osservazione la cruz dei condor, dove i controlli sono serrati a causa dell’elevato numero di turisti, e abbiamo imboccato velocemente il sentiero che porta in fondo al canyon. il cammino dura circa 4 ore a causa del dislivello

imageimageimageimageimageimage

image
Al termine di questo lungo cammino verso il basso ritroviamo il rio. Una volta attraversato utilizzando un semplice ponte, saliamo per il piccolo paesino di San Juan de Chuccho, dove a causa della stanchezza, dovuta sia al viaggio che alla camminata decidiamo di passare la notte.

imageimage

imageimage
I costi per dormire risultano allineati con il resto del Perù, mentre, per il cibo, e soprattuto l’acqua, si hanno rincari anche del 70%, dovuti al fatto che le provvigioni in questi luoghi arrivano solamente attraverso l’uso del mulo.
Il mattino seguente ci dirigiamo verso l’oasi di Sangalle e dopo una camminata di tre ore, dove si incrociano alcuni villaggi e si sale e scende di quota, arriviamo alla meta. In questa parte del cammino, un simpatico amico ci accompagna, chiamato Birillo e ci scorta fino l’oasi di Sangalle dove ne perdiamo le tracce.

imageimageimageimageimageimage

imageimageimageimageimageimage

imageimageimageimage
Nell’oasi, localizzata esattamente nel punto più profondo ed al centro del canyon, si può mangiare e dedicarsi al relax in una delle tante piscine presenti. Volendo si può anche dormire prima di intraprendere la salita di 1200 m di dislivello che separa Sangalle da Cabanaconde.
Noi abbiamo deciso di intraprendere la salita senza passare troppo tempo nell’oasi, perché anche in questo caso le possibilità di scelta e di contrattazione sono nulle. Giustamente o no, hanno fatto di questo piccolo spazio verde il loro tesoro, rendendolo molto simile ai villaggi vacanze all inclusive.
Sicuramente, partire più riposati e di mattina presto è la soluzione migliore. Infatti, la salita risulta essere molto impegnativa sia per l’aumento della rarefazione dell’aria man mano che si sale d’altitudine, sia per la potenza dei raggi solari, che, a ora di pranzo non perdonano.

imageimageimageimageimage
Arrivati in cima stremati e senza energie ci dirigiamo verso il centro di Cabanaconde dove passiamo la notte e l’indomani prendiamo un’autobus che ci riporterà ad Arequipa.

image
Nella sera, ritorniamo dal nostro gentile Airbnb Jaime (consigliato caldamente: si tratta di una persona gentile che oltre ad averci dato consigli ottimi su ristoranti di Arequipa ci ha dato utili informazioni sul canyon e tenuto gli zaini durante il nostro trekking) e, dopo una chiacchierata veloce sulla nostra avventura andiamo a prendere il prossimo bus per la città di Cuzco!

image

Il canyon del Colca! 1200 mentri di profonditàultima modifica: 2017-05-30T17:13:54+00:00da lorenzelis
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *