Cuzco: la città archeologica del Perù e Machu Picchu, la meraviglia delle Americhe

Cuzco: la città archeologica del Perù e Machu Picchu, la meraviglia delle Americhe.
9 Maggio 2017- 13 Maggio 2017

Arrivati a Cuzco la mattina presto, troviamo subito un’economico alloggio e iniziamo un breve viaggio della città, decidendo però di effettuare il vero e proprio giro turistico il giorno seguente.
Purtroppo veniamo a conoscenza del fatto che, a causa della non disponibilità di trasporti per Machu Picchu la mattina del giorno 11, avremmo dovuto cambiare i nostri piani e anticipare la partenza al giorno 10.
Finiamo la giornata cenando con una insipida pizza (avevamo bisogno di cambiare cibo) e ci dirigiamo a riposare.

image image image image image image image image image image image image image
Partiamo alla mattina presto, alle 7, prenotando il giorno prima un piccolo bus turistico che per 60 soles a testa ci avrebbe portato ad idroelettrica e nuovamente a Cuzco nei giorni seguenti. Dopo un lungo viaggio di 6 ore arriviamo ad idroelettrica, una piccola postazione nel mezzo della foresta che dista 9 km a piedi da Agua Caliente, un piccolo agglomerato urbano molto turistico e anche abbastanza costoso per gli standard peruviani. La passeggiata è una bella camminata lungo i binari di una ferrovia ancora in uso (a volte anche pericolosa per il passaggio del treno).

imageimageimageimage

Arriviamo dopo le 16 ed una volta trovato uno dei pochi hostel economici ci dedichiamo alla ricerca del cibo.
Machu picchu pueblo, o Agua caliente, non presenta niente di particolarmente attraente, ma semplicemente è un’ottima stazione da utilizzare come campo base per ascendere a Machu picchu in solo 1 ora e mezza.

imageimageimage
Infatti il giorno dopo, camminando due orette in salita, siamo arrivati in vetta alla magnifica Machu Picchu. Avendo comprato il boleto vespertino, siamo partiti in tarda mattinata, perché in questo caso l’accesso al sito é consentito solo dalle 13 alle 17 (in 3 ore si dispone del tempo necessario a visitare l’intero sito). Questo biglietto si acquista direttamente sul sito del ministero del turismo peruviano e, alla metà del prezzo di entrata normale, ti permette di visitare comodamente tutta Machu Picchu.
Per chi non avesse voglia o non avesse le capacità fisiche adeguate per affrontare la camminata, c’è anche a disposizione una moltitudine di bus che partono da agua caliente e per 30 dollari, andata e ritorno, ti portano all’ingresso.
Una volta entrati ci sono dei sentieri a senso obbligatorio da rispettare, per cui è raccomandabile chiedere all’ingresso una mappa del sito archeologico e le dovute informazioni, perché alcune zone chiudono verso le 15. In linea di massima sono presenti un paio di punti d’osservazione, il più famose dei quali, è quello dalla capanna del guardiano. In realtà è molto bello, una volta all’interno, perdersi tra le stradine e godersi senza troppi vincoli la magia del luogo (tutto ciò è possibile, fino a quando una guardia ti fischia perché non ti puoi sedere o non puoi tornare indietro dallo stesso sentiero).
Dopo un largo giro del sito incominciamo la discesa con il solito seguito di cani per raggiungere nuovamente il paese e sfondarci di cibo dopo la fatica fatta.

imageimageimageimageimage

imageimageimage

imageimageimageimage

imageimageimageimageimageimage

imageimageimageimageimageimageimageimage
Le considerazioni su Machu Picchu sono svariate. Prima tutto è indubbio che sia uno dei posti più affascinanti del pianeta e lo stato di conservazione è ottimo, visto il tempo trascorso. Purtroppo, come molte mete famose, il turismo di massa fa perdere significato e magia al luogo: partendo dal finto Machu Picchu pueblo (con ristoranti acchiappa turisti e prezzi esorbitanti) all’arrivo nel sito archeologico, dove si trovano costosissimi bus strombazzanti e musica ad alto volume che stonano con l’ambiente circostante.
Il giorno seguente iniziamo nuovamente il cammino per idroelettrica e dopo aver preso il bus arriviamo nuovamente a Cuzco in tarda serata.

image
La mattina dopo la dedichiamo all’esplorazione della città. In piazza veniamo investiti da una coloratissima e folkloristica festa per il dia della madre. Dopo aver ammirato le usanze tipiche di questo giorno decisamente sentito in tutto il Perù, ci dirigiamo sopra un bel miradore della città e passeggiamo per le stradine in salita e discesa. Cuzco è una città veramente splendida!

imageimage

image
Arrivata la sera andiamo verso la stazione dove prenderemo un bus per la nostra ultima meta peruviana: Puno e il lago Titikaka.

imageimage

Cuzco: la città archeologica del Perù e Machu Picchu, la meraviglia delle Americheultima modifica: 2017-06-11T14:43:17+00:00da lorenzelis
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *