Bolivia: Copacabana e la Isla del Sol

Bolivia: Copacabana e la Isla del Sol
17 Maggio 2017- 21 Maggio 2017

Partenza alla mattina presto da Puno si arriva alla frontiera tra Perù e Bolivia verso le 11 di mattina. Sbrigate le formalità doganali ci rendiamo subito conto che alla frontiera ci hanno rilasciato solo 30 giorni di visto (si può richiedere un’estensione, fino a 90 giorni, in un’ufficio d’immigrazione a La Paz o a Santa Cruz).
A soli 10 minuti dalla frontiera arriviamo a Copacabana, che non è altro che un piccolo villaggio sul Lago Titicaca, con brutti ostelli e brutte casupole che non ricordano per nulla la Copacabana brasiliana.
Il giorno seguente lo dedichiamo a passeggiate lungo la spiaggia, il mercato cittadino e la calda piazza cittadina.

image image image   image image
La mattina successiva prendiamo un battello per l’isola del Sol (20 boliviani/solo andata), che insieme all’isola della Luna rappresentano le attrazioni locali.
Secondo la leggenda Inca su questa isola nacque il sole e nell’isola a fianco nacque la sposa luna.
Approdati sull’isola ci attende una lunga scalinata Inca attraversata da tre fonti (gli spagnoli arrivati sull’isola pensavano si trattasse della fonte dell’eterna giovinezza), per raggiungere la cima sulla quale si trova il primo villaggio e varie sistemazioni.

imageimageimageimageimageimageimageimageimage
Sull’isola scopriamo che vivono due comunità distinte, ed al momento, a causa di dissidi interni, una comunità ha chiuso il passaggio verso il nord dell’isola a tutti i turisti. Armati di pazienza e curiosità ci dirigiamo verso il posto di confine: la linea rossa, con la volontà di scoprire le motivazioni che hanno portato alla chiusura della frontiera.
Arrivati alla frontiera iniziamo a chiacchierare con un disponibile dirigente della comunità nord dell’isola che ci spiega le motivazioni del blocco.

imageimage
In sostanza, la parte nord è composta da due villaggi, uno localizzato vicino ad un porto e molto sviluppato a livello turistico e l’altro meno sviluppato e più centro cittadino della popolazione locale. Quest’ultimo, dopo un consulto con un’archeologo, ha tentato di costruire un centro turistico vicino ad alcuni reperti archeologi, ma dopo poco tempo, ignoti hanno fatto saltare le strutture con dinamite. Presumibilmente si tratta delle persone del villaggio vicino. Come ritorsione a questa azione, il villaggio colpito ha decretato un blocco navale e terreste del turismo verso il vicino attrezzato dal punto di vista turistico. Questo blocco, in vigore già da due mesi, resterà attivo fino a quando i colpevoli non si costituiranno alle autorità e non porgano pubbliche scuse. La solita storia dell’onore molto all’Italiana.
Dopo questa amara conferma ci siamo dedicati al giro della piccola parte sud ed alla vista del bel tramonto dalla cima del monte più alto.

imageimageimageimageimageimageimageimageimageimageimage
L’indomani, dopo un breve cammino fino alla punta dell’isola, decidiamo di imbarcarci nuovamente per ritornare a Copacabana dove decidiamo di riposare nel piccolo villaggio e dedicarci alla degustazione del vino.

imageimageimageimage
Il giorno dopo, visitiamo la cattedrale/santuario che ospita una Madonna, che, secondo il credo locale, non deve essere spostata dalla sua ubicazione, pena lo straripamento del lago con conseguente distruzione dell’intera città di Copacabana.

imageimage

image
Nel tardo pomeriggio, invece, iniziamo una lunga via crucis che ci porta fino alla cima del monte più alto di Copacabana regalandoci un bel tramonto sul lago Titikaka.

imageimageimageimage
La prossima meta sarà la capitale de facto La Paz, ma prima di partire alcune conclusioni sono d’obbligo.
Al momento attuale, seppur questo luogo sia magico, l’interdizione di più di metà dell’isola, fa si che un viaggiatore debba valutare attentamente se intraprendere il viaggio verso questo luogo. Infatti, in paese quasi nessuno ti avverte preventivamente del blocco in atto, e, precisando che la maggior parte dei siti archeologici si trova a nord, non vale la pena spendere per la barca, l’alloggio ed il cibo (i costi sono particolarmente alti, comparati con il vicino Perù).
Detto questo, ci ricorderemo questi luoghi come spettacolari ed assolutamente magici. Il tramonto, la notte e l’alba che ti regala la natura in questa parte del mondo non ha prezzo! La Paz arriviamo!

Bolivia: Copacabana e la Isla del Solultima modifica: 2017-06-30T13:45:41+00:00da lorenzelis
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *