La seconda città di Pizarro e capitale del Perù : Lima

La seconda città di Pizarro e capitale del Perù : Lima
27 Aprile – 30 Aprile
Con un viaggio notturno salutiamo Trujillo e ci dirigiamo verso la capitale, Lima.
Lima si presenta come tutte le grandi metropoli sudamericane: traffico infernale e tanto smog.
In realtà una volta indirizzati, anche dai nostri Airbnb (Peter e Valeria), la città ci regala bellissimi scorci e passeggiate piacevoli.
Il primo giorno lo dedichiamo ad una lunga camminata sul lungomare.
Partiamo da Chorrillos, dove si trova il molo dei pescatori con il pesce fresco appena pescato e dove volendo si può mangiare il famoso e ottimo ceviche peruviano. Da qui, a piedi, entriamo nel famoso quartiere di Barranco.

imageimageimage

image

imageimageimageimage

imageimageimageimageimageimageimage
È un quartiere bhoemien e notturno che, però di giorno risulta essere piacevolmente sonnolento e arricchito da splendidi murales, e che ci regala un magnifico gelato artigianale all’italiana.
Continuando a camminare arriviamo a Miraflores, un altro quartiere di Lima molto ricco con case stratosferiche e rilassanti parchi urbani.

imageimageimageimageimage
Finito il giro urbano ritorniamo sempre a piedi verso il nostro quartiere Lince. Una caratteristica degna di nota di questa città è sicuramente l’organizzazione delle piste pedonali. Abbiamo potuto godere ed ammirare i principali quartieri “sicuri” di Lima, senza dover litigare con automobilisti inferociti.
Gli altri due giorni vengono dedicati alla scoperta del centro storico, dalla bella piazza San Martin (eroe dell’indipendenza Peruviana) alla maestosa plaza de Armas, dove si trovano i palazzi coloniali color pastello, la residenza del presidente della repubblica e la cattedrale dove si trovano le spoglie di Pizarro.

imageimageimage
Spostandosi a ridosso delle vecchie mura proseguiamo verso il quartiere Rimac, dove arroccate in maniera disordinata, sono state costruite una miriade di povere case dai mille colori che danno però un tocco di allegria ad una reale disperata povertà.

imageimageimage
Da lì approfittiamo ed assaggiamo i sapori orientali del grande Barrio Chino di Lima, per poi terminare il nostro vagabondare verso il parco delle fontane.

imageimageimageimageimage

imageimageimage

imageimageimage

image

Un grande parco, il cui ingresso costa 6 soles, ma nel quale ci si perde nelle meravigliose fontane che regalano giochi acquatici e di luci.

imageimageimage

imageimage

imageimageimageimage

imageimageimageimageimageimage
L’ultima sera, dopo cena, ci concediamo una uscita notturna al Barranco con i nostri airbnb. Questo quartiere di notte si riempie di luci e turismo locale ed internazionale, creando un luogo molto più festaiolo che durante il giorno, ma al tempo stesso rilassante.
Come tutte le grandi capitali anche Lima è una città da vivere. Un turista la può certamente visitare, ma non riuscirà a capirla appieno.
I grandi parchi pieni di ragazzi e gli ottimi ristoranti concedono di più a chi vuole osare e viversi la città rispetto a chi invece vuole semplicemente guardare e visitare la capitale.
Il nostro viaggio continua verso la città del miracolo agricolo: Ica!! Dopo quattro mesi di birra acquosa, finalmente andiamo a bere del vino!!!!

La seconda città di Pizarro e capitale del Perù : Limaultima modifica: 2017-05-24T15:31:34+00:00da lorenzelis
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *